La necropoli di Sant’Antonio: antiche testimonianze del passato a Ugento

La necropoli di Sant’Antonio: antiche testimonianze del passato a Ugento

La città di Ugento, nel Salento, è ricchissima di storia e di antiche testimonianze del passato. Non solo nel centro storico (che, comunque, racchiude importanti tracce storiche e archeologiche), ma anche al di fuori della cinta urbana. Un esempio è dato dall’antica necropoli di Sant’Antonio, situata al margine della strada provinciale che conduce a Casarano.

Questa importante testimonianza è venuta alla luca grazie ad alcuni importanti scavi effettuati a cavallo tra il 1986 e il 1987. Gli studiosi hanno appurato che si tratta quasi con certezza di una necropoli risalente agli anni che vanno dal VI al III secolo a. C.. L’area, abbastanza estesa, un tempo unita alla Cripta del Crocifisso, che si trova a poche centinaia di metri di distanza.

La parte attualmente visibile – ampia circa 18 metri – si compone di circa trenta tombe a fossa scavate nella roccia affiorante dal terreno. I grandi lastroni di roccia calcarea sono stati posizionati, a secco, a terra o sulla roccia e sono larghi circa 4 metri e 60; alcuni di essi all’interno sono ricoperti da intonaco e presentano decorazioni rosse e blu. Al momento dello scavo nelle tombe sono stati ritrovate ceramiche importate dalla zona di Egnazia e prodotte in loco.

Quella di Sant’Antonio, però, non è l’unica necropoli rinvenuta a Ugento nel corso degli ultimi anni. L’antica città, infatti, disponeva di ben quattro aree per le sepolture a ridosso del perimetro difensivo e in corrispondenza delle diverse strade che collegavano Ugento agli altri centri limitrofi.

Importanti i ritrovamenti nei pressi di via Peri, dove sono state rinvenute tombe che risalgono al IV e al III secolo a.C., e quelli di via Acquarelli, dove è venuta alla luce un’area sepolcrale risalente al periodo che va dal VI al II secolo a.C. Altre tombe, risalenti sempre al IV e al III secolo a.C., nei pressi di via Mandorle dove, secondo gli studiosi, si trovava una delle antiche porte di ingresso alla città.

Se durante la vostra vacanza nel Salento volete approfittare per scoprire le caratteristiche storiche, artistiche e culturali di questa terra, vi consigliamo di inserire Ugento e le sue testimonianze del passato tra le tappe delle vostre escursioni e visite guidate.

Alcuni consigli per un soggiorno in case vacanza o strutture alberghiere a Torre San Giovanni e Torre Mozza, le marine di Ugento.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *