In vacanza nel Capo di Leuca: alla scoperta di Alessano nel Salento

In vacanza nel Capo di Leuca: alla scoperta di Alessano nel Salento

Alessano è un’importante centro agricolo del basso Salento situato a 56 km da Lecce. Comprende la frazione di Montesardo, Macurano e la località costiera di Marina di Novaglie.

Non si hanno notizie precise sulle sue origini. Fu probabilmente abitata fin da epoca altomedievale e alcuni studiosi attribuiscono la fondazione della città ad Alessio I Comneno, imperatore bizantino, anche se non esistono documenti che permettono di far luce con certezza sulle origini della città. Sotto i Normanni Alessano divenne la città più importante della “Leucadia”, come allora si chiamava la regione del Capo di Leuca.

Questi la cinsero di mura e, secondando la politica pontificia del tempo, la elessero sede vescovile nel XII secolo e tale rimarrà fino al 1818. Nel corso dei secoli fu assoggettata a diverse dominazioni e gestioni feudali. Assegnata, nel Duecento, ai Dalmeto, entrò poi a far parte dei possedimenti dei della Ratta, dei del Balzo, dei de Capua, dei Gonzaga, dei Guarini, dei Trani, dei Brayda e degli Ayerbo d’Aragona.

La città raggiunse il suo massimo splendore nel ‘500 sotto il dominio dei Gonzaga. Infatti, con Ferrante Gonzaga e specialmente alla morte di questi, quando la città e il suo “Stato” passarono al figlio Andrea, la contea di Alessano, comprendente la città e una quindicina di altri paesi, costituiva la più importante signoria del Salento meridionale.

A testimonianza della grandezza di un tempo, restano gli splendidi palazzi, che ancora oggi si possono ammirare come il Palazzo Ducale, della seconda metà del ‘400, la cui costruzione fu iniziata sotto la signoria dei Del Balzo; il Palazzo Lègari e il Palazzo Orsi, con la sua artistica loggia ad archi e l’originaria merlatura. Ultimo feudatario fu il duca Antonio Zunica.

Tra i monumenti spiccano: la Parrocchiale del Salvatore, la cui costruzione fu iniziata nella seconda metà del Settecento; la Chiesa dei cappuccini, contenente, tra l’altro, una pregevole pala in legno intagliato; i Palazzi del Balzo, Sangiovanni e Legari, del XVI secolo; il Castello fortificato, risalente al Quattrocento, e la duecentesca Chiesetta rupestre di Santa Barbara, a Montesardo.

Dall’ottobre 2006 parte del suo territorio rientra nel Parco Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase, istituito dalla Regione Puglia allo scopo di salvaguardare la costa orientale del Salento, ricca di pregiati beni architettonici e di importanti specie animali e vegetali.

La cittadina di Alessano si trova a pochi chilometri da Santa Maria di Leuca e dal Ponte Ciolo, una delle località più frequentate durante la vacanza nel Salento.

Alcune proposte di soggiorno a Santa Maria di Leuca e Torre Vado.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *