La cripta di Sant’Apollonia: piccolo gioiello nel Capo di Leuca

La cripta di Sant’Apollonia: piccolo gioiello nel Capo di Leuca

Restaurata tra il 2007 e il 2008, la piccola cripta di Sant’Apollonia, nel paesino di San Dana (Gagliano del Capo), è una testimonianza importantissima della devozione cristiana dei primi secoli dopo Cristo nel Capo di Leuca.

Sant’Apollonia, di cui è rimasto conservato un bellissimo affresco su una parete laterale della cripta, è stata una martire cristiana vissuta a Roma o ad Alessandria d’Egitto. È la protettrice dei denti e dei dentisti, poiché quando si rifiutò di abiurare la fede cristiana le furono strappati i denti con una cesoia e fu arsa viva.

La cripta è grande 11 metri per 7 e alta intorno ai 2 metri. Secondo gli studiosi che hanno esaminato gli affreschi, il piccolo tempio potrebbe essere stato costruito tra il III e il IV secolo dopo Cristo. Si ritiene che la cripta sia stata dimora di un eremita: ciò è testimoniato dal ritrovamento di un sedile in pietra, che potrebbe essere stato lo scomodo giaciglio di un monaco.

Opinioni di altri studiosi, invece, fanno risalire la cripta al VI secolo e la sua fondazione ad opera dei monaci basiliani. A supporto di questa teoria c’è la sovrapposizione degli affreschi presenti sulle pareti laterali e sulla volta.

Le rappresentazioni più antiche risalgono all’XI secolo, mentre quelle più recenti sono datate 1758. Gli affreschi, molti dei quali sono stati danneggiati nel corso dei decenni da vandali senza scrupoli, rappresentano Sant’Apollonia, la Vergine con il Bambino, l’Arcangelo Michele, un’Ostensorio, la Trinità con Cristo Crocefisso.

Si ritiene che la cripta sia stata abbandonata a se stessa a partire dal 1480, anno in cui i turchi, invadendo il Salento, fecero terra bruciata attorno a loro, distruggendo tantissime testimonianze storiche, tra cui il Monastero di Casole di Otranto. Ad oggi di Sant’Apollonia rimane il pilastro centrale che sorregge la volta e una scala, forse usata come accesso principale.

Nella zona di San Dana vi consigliamo di visitare il centro storico di Alessano, l’insediamento rupestre di Macurano e la stupenda Santa Maria di Leuca, con la Basilica dedicata alla Vergine De Finibus Terrae e la scalinata monumentale.

Per la vostra vacanza nel Salento vi suggeriamo alcune strutture ricettive a Leuca e a Gagliano del Capo.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *