Roberto Vecchioni in concerto a Gallipoli, la “città bella” del Salento

Roberto Vecchioni in concerto a Gallipoli, la “città bella” del Salento

Gallipoli, insieme ad Otranto e a Lecce, ospita da sempre i più grandi eventi musicali del Salento. Giovedì 17 aprile, nel teatro Italia, si esibirà in concerto il grande cantautore Roberto Vecchioni, che ha riservato al Salento una tappa del suo tour “I colori del buio”, in cui l’artista presenta l’omonimo cd.

Si tratta di un doppio disco con 30 brani con due pezzi inediti. Inoltre nell’album è presente una riedizione con la grande Mina di “Luci a San Siro”, il brano che nel 1971 ha lanciato la carriera dell’artista.

Vecchioni salirà sul palco accompagnato da una band di sei musicisti, ma ci sarà anche una sezione d’archi a suonare con il “professore”, che per il suo pubblico canterà i suoi brani più famosi, oltre agli inediti “I colori del buio” e “Un lungo addio”. Quest’ultimo brano è stato composto insieme alla moglie ed è dedicato alla figlia Carolina.

L’inizio dello spettacolo è previsto per le 21. Tutte le informazioni si possono ottenere chiamando al numero 0833.266940. I biglietti costano 35 euro per il primo settore e 25 euro per il secondo.

Prima del concerto è d’obbligo una passeggiata tra le bellezze storiche e artistiche di Gallipoli, che rappresenta una delle mete turistiche più gettonate per le vacanze al mare. Nelle vicinanze del teatro Italia potrete ammirare la Fontana Greca, ritenuta una delle più antiche d’Italia, il Seno del Canneto con la chiesa del Canneto e il piccolo tempio dedicato alla protettrice Santa Cristina, il castello angioino, posto a difesa della città vecchia, e il ponte seicentesco, che vi immetterà nel bellissimo centro storico.

Tra i vicoli della città antica potete visitare la Cattedrale di Sant’Agata, i palazzi signorili e i frantoi ipogei, e magari fermarvi per un aperitivo in uno dei tanti locali.

Vi suggeriamo anche alcune strutture ricettive presenti in città.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *