L’olio biologico DOP di Terra d’Otranto: la passione per la genuinità

L’olio biologico DOP di Terra d’Otranto: la passione per la genuinità

Vi abbiamo già parlato della produzione dell’olio di oliva extravergine “Terra d’Otranto DOP”, prodotto nel Salento nell’intera provincia di Lecce, in parte della provincia di Taranto e in alcuni comuni di quella di Brindisi.

Tra le varietà prodotte dagli agricoltori associati al consorzio di Terra d’Otranto c’è l’olio BIO, proveniente, cioè, da agricoltura biologica. Un’ottima qualità del principe della tavola salentina, usato per condire i piatti della tipica tradizione culinaria di questa terra.

Un prodotto è di agricoltura biologica quando è ottenuto seguendo le modalità di produzione indicate dalle norme comunitarie in materia. In particolare queste fissano le modalità di gestione dell’azienda agricola, che deve: adottare misure per mantenere o aumentare la fertilità e l’attività biologica del terreno; attuare una lotta preventiva alle avversità, scegliendo specie e varietà che si dimostrano più adatte alle condizioni ambientali del posto; mettere in atto una protezione dai nemici naturali delle colture; in caso di necessità, utilizzare solo prodotti antiparassitari e fertilizzanti indicati nel regolamento.

Il controllo sul rispetto delle regole è affidato a organismi di controllo privati autorizzati dal Ministero per le Politiche Agricole e Forestali. Questi effettuano visite periodiche nelle aziende, nel corso delle quali possono accedere a tutte le strutture aziendali e ai documenti contabili.

La trasformazione del prodotto può avvenire sia nello stabilimento dell’azienda, sia in strutture esterne. Il responsabile dello stabilimento è obbligato a tenere ben separate le olive destinate alla produzione biologica dalle altre, a lavare accuratamente gli impianti quando la produzione di olio biologico segua quella di olio normale, lo stoccaggio del prodotto biologico in contenitori separati.

L’olio biologico di Terra d’Otranto si riconosce da alcune indicazioni riportate sull’etichetta. In particolare vengono indicati la frase “da agricoltura biologica – regime di controllo CE”, il nome dell’organismo di controllo, un codice identificativo attraverso il quale è possibile risalire a ciascuna delle fasi di produzione.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *