Roca Vecchia: un angolo di storia antica sulla costa adriatica del Salento

Roca Vecchia: un angolo di storia antica sulla costa adriatica del Salento

Roca Vecchia è una località della costa adriatica del Salento e, come T.rre dell’Orso, fa parte delle marine di Melendugno. È un centro turistico di rilievo e sede di importanti scavi archeologici, che hanno riportato alla luce numerose testimonianze.

A Roca Vecchia si possono ammirare la torre di avvistamento cinquecentesca e le rovine del castello, costruito a picco sul mare. Inoltre ci sono il santuario della Madonna di Roca, risalente al XVII secolo, e la suggestiva Grotta della Poesia, alla quale è legata un’antica leggenda.

Come si diceva, gli scavi effettuati a Roca hanno portato alla luce importanti testimonianze del passato. In particolare sono stati scoperti un imponente sistema di fortificazioni risalente all’Età del Bronzo (XV – XI secolo a.C.) e numerosi reperti che ricordano modelli minoici ed egei. Gli studiosi ritengono che, intorno al XV secolo a. C., il sito sia stato incendiato. Anche le mura successive, ricostruite intorno all’XI secolo a. C., presentano tratte di incendio.

Si ignora, comunque, chi siano stati i popoli fondatori di questo luogo, la cui storia è avvolta in un alone di mistero. Non ci sono certezze nemmeno sullo scopo per il quale fu costruita la fortificazione: si pensa alla presenza di una città, oppure di un luogo di culto. È certo, comunque, che il sito fu frequentato per tutta l’Età del Ferro. Ci sono tracce importanti, poi, relative all’Età Messapica (IV – III secolo a. C.), come una cinta muraria, un monumento funerario, diverse tombe e fornaci. Si crede che il nome messapico della città fosse Thuria Sallentina.

Successivamente il sito fu abbandonato: infatti non vi sono tracce del periodo romano, ma ritornò ad essere frequentato nell’alto Medioevo da anacoreti provenienti dall’Impero Romano d’Oriente che qui costituirono una comunità, stanziando in alcune grotte scavate nel calcare. Per vedere una ricostruzione di Roca Vecchia bisognerà attendere il XIV secolo, quando Gualtieri di Brienne, conte di Lecce, decise di farne una città fortificata. Nel 1480, però, la popolazione venne messa in fuga dalle incursioni turche che interessarono tutta la penisola salentina. Roca Vecchia, in quell’occasione, venne usata dagli Ottomani come base operativa per lanciare attacchi contro Otranto e altri centri del Salento.

Nel corso del 1500 Ferrante Loffredo, governatore di Terra d’Otranto, diede ordine di radere al suolo quello che restava della città, divenuta nel frattempo rifugio di corsari.

Di particolare interesse, a Roca Vecchia, è la Torre di Guardia, costruita nel 1568 da Tommaso Garrapa. È un edificio a base quadrata e a forma troncopiramidale tipica del periodo vicereamale spagnolo. Comunicava a nord con T.rre San Foca e a sud con T.rre dell’Orso. Nel 1576 il procuratore dell’Università di Roca Antonio Tamiano munì la costruzione di un moschetto dicevuto dal sindaco di Lecce.

Molto importanti dal punto di vista storico, poi, sono le iscrizioni rinvenute all’interno della Grotta della Poesia nel 1983 da Cosimo Pagliara, archeologo e docente universitario. Grazie agli studi sulle iscrizioni si è potuto accertare che in passato esisteva un traffico intenso tra questa zona e alcune baie dell’Albania.

Si narra che nel 44 a. C. Ottaviano Augusto, che si trovava ad Apollonia per studiare il greco, alla notizia della morte di Cesare seguì probabilmente queste antiche rotte commerciali per sbarcare nel Salento, raggiungere Lupiae e da qui andare verso Roma. Anche Virgilio nei suoi scritti ha immaginato questi luoghi per lo sbarco di Enea nel Salento.

Nelle vicinanze di Roca Vecchia vi consigliamo di visitare la bellissima T.rre dell’Orso – dove Terrarussa ha selezionato per voi alcune strutture ricettive – e, poco più a sud, la città di Otranto, con il suo famoso centro storico.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

0 Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. Le Vele Blu di Legambiente 2012: Salento in pole con Melendugno - [...] punteggio, le 5 Vele: si tratta di Ostuni e di Melendugno, con le sue marine di T.rre dell’Orso, Roca…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *