Come evitare il traffico sulla litoranea del Salento

Come evitare il traffico sulla litoranea del Salento

Il Salento d’estate si riempie di turisti provenienti da ogni parte d’Europa, che sempre più spesso scelgono di raggiungere questa terra in auto, oppure, una volta giunti con i mezzi pubblici, noleggiano una vettura in loco. Inevitabilmente, specie nei periodi di punta, questo genera un aumento del traffico stradale, soprattutto sulle litoranee e sulle strade che portano alle località balneari.

Come evitare, dunque, di rimanere imbottigliati sotto il sole cocente del Salento, che poco teme gli impianti di condizionamento d’aria delle auto?

Il metodo più efficace è sicuramente quello di raggiungere le località marine percorrendo – finché si può –  le strade a scorrimento veloce e non le litoranee. È vero, non si potrà godere del panorama del mare, ma si riuscirà ad andare più spediti, costeggiando gli uliveti della campagna salentina.

Per raggiungere le località balneari della costa ionica (Porto Cesareo, Gallipoli, T.rre San Giovanni, T.rre Mozza, Lido Marini, Pescoluse, ecc.) si può percorrere la strada statale 101 Lecce-Gallipoli, a quattro corsie, che giunti all’altezza della Città Bella si riduce a due corsie e cambia il nome in SS 274 Gallipoli-Leuca. La statale percorre tutto il lato ovest del Salento, e i tanti svincoli permettono di raggiungere paesi e marine in modo abbastanza agevole.

Lo stesso discorso si può fare per le località della costa adriatica, come T.rre dell’Orso, Otranto, Castro, Tricase Porto, ecc. La SS 16 porta da Lecce ad Otranto, e continua in direzione sud cambiando il suo nome in SS 275. L’unico inconveniente è che l’ultimo tratto, da San Cassiano in giù, è a due corsie e, in molti tratti, attraversa alcuni centri abitati. Per raggiungere le marine a nord di Otranto, fino a San Cataldo, poi, bisogna passare da altri centri abitati, oppure percorrere la litoranea. La marina di San Cataldo, invece, si raggiunge comodamente da Lecce.

Entrambe le superstrade si incontrano nel loro punto finale a Santa Maria di Leuca, punta estrema del Salento, che risulta quindi facilmente raggiungibile sia che si scelga di percorrere il lato adriatico, sia che si preferisca quello ionico.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

0 Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. Spostarsi agevolmente nel Salento, evitando il traffico e il caos - [...] di spostarvi per visitare altri luoghi del Salento, vi consigliamo – come già abbiamo fatto qui – di non…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *