Masserie e caseddhe: l’itinerario del villaggio di pietra di Morige

Masserie e caseddhe: l’itinerario del villaggio di pietra di Morige

Vivi un Salento alternativo, gettando uno sguardo diverso sull’ambiente intorno a te ammirando le costruzioni in pietra che caratterizzano le campagne salentine. Tornerai a casa più ricco, tornerai a casa portando un ricordo, solo tuo.

Sono un fattore distintivo del Salento, una costante che accompagna lo sguardo lungo il paesaggio. Hanno diversi nomi, sono chiamati casedde, pagghiare, furni, truddi, a seconda delle zone, ma il loro aspetto non cambia, piccoli edifici in pietra a secco. Se vuoi immergerti nella campagna salentina, attraversata da una storia che dagli antichi romani passa al medioevo giungendo fino al contado del novecento, visita il “villaggio di pietra” di Morige.

Le casedde rivelano una particolare concentrazione nella contrada Corillo, a ovest di Galatone. Qui puoi impostare il tuo itinerario escursionistico visitando una grande varietà di luoghi ed edifici, un tempo vitali, adesso, troppo di frequente, abbandonati a loro stessi. Così si legge il segno del tempo sull’opera dell’uomo.

Il percorso che vogliamo proporti parte dal “villaggio di pietra”, nei pressi di Masseria Morige, un pugno di casupole in pietra a secco che ostinate resistono agli assalti del tempo e della modernità.

Passando nella gariga e percorrendo l’antica via che metteva in comunicazione le varie masserie, raggiungiamo Masseria Tre Pietre e Masseria Ravenna, contraddistinta dalla bella torre colombaia. Attraversiamo gli uliveti guadagnando un altro villaggio di pietra per poi fare ritorno al punto di partenza. Vuoi qualche informazione più specifica? Vediamo di fare chiarezza sui ragguagli di percorso.

Nel complesso si tratta di un cammino lungo 11 chilometri, da fare a piedi, se vuoi goderti a pieno l’esperienza. Come tempo di percorrenza indicativo considera tre ore. Non vi sono peculiari difficoltà, fatta salva la scarsa segnaletica, devi saperti orientare da solo. Per raggiungere la masseria Morige, dove ti consigliamo di parcheggiare l’auto, dalla superstrada Lecce-Gallipoli (S.S 101) esci allo svincolo di Galatone-S.Maria al Bagno, prosegui in direzione S.Maria. Dopo il passaggio a livello gira a destra al primo incrocio.

Scenari unici e scorci di natura incantati…non dimenticarti di portare la fotocamera!

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

0 Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. Le antiche radici della cultura salentina, conosci i caseddhi - [...] salentina, visita i “caseddhi” più vicini alla tua località, ve ne sono tanti: come il Villaggio di pietra di…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *