Il mistero della roccia della fertilità di Calimera nella Grecìa Salentina

Il mistero della roccia della fertilità di Calimera nella Grecìa Salentina

A Calimera, paese della Grecìa Salentina, nella zona periferica del paese in prossimità del cimitero, si erge una chiesetta medioevale dedicata a San Vito santo protettore degli animali, sede di uno dei culti e misteri che affascinano l’intera storia della terra salentina.

Dalla navata centrale della suggestiva cappella, si erge una pietra di origine precristiana inglobata al pavimento con un foro al centro, la cosiddetta pietra della fertilità, monolite legato ad un antico rito pagano. Infatti, si riteneva che fosse portatore di fertilità per chiunque l’avesse attraversato.

Nonostante il diametro del foro sia piuttosto piccolo, la leggenda narra che tutti possano attraversare la pietra in quanto il foro si allargherebbe a seconda delle stazza delle persone al fine di consentire a tutti il compimento del rituale che permette di scambiare le proprie energie con quelle della madre terra generando fecondità e fertilità.

La scelta di far costruire la chiesetta intorno alla roccia della fertilità, nasce dalla necessità da parte della Chiesa Cattolica, di voler debellare gli antichi culti con l’intento di “cristianizzare” ogni simbolo e ogni antico rito legato al paganesimo.

Ogni anno in prossimità della Santa Pasqua la Pro loco di Calimera, organizza una manifestazione all’interno della quale si compie il rituale legato alla rinascita. Ogni Lunedì dell’Angelo i locali si recano nella chiesetta di San Vito per compiere l’antico rito e augurarsi prosperità e fecondità. Si pensa che la scelta di compiere il rito il giorno di Pasquetta, sia legato al simbolo della rinascita e della risurrezione di Cristo attraverso il passaggio nella pietra.

In questo giorno, all’antico rituale si accompagnano musica e folklore intonando antichi canti e stonelli nella lingua di questa area ellenofona, il grikò. Culture e tradizioni tra il sacro e profano che si fondono insieme nel giorno di Pasquetta dando vita ad una grande festa tra musiche, danze e piatti tipici.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *