La Grecìa salentina: un’isola ellenofona da salvaguardare

La Grecìa salentina: un’isola ellenofona da salvaguardare

Kalòs ìrtate stin Grecìa Salentina – Benvenuti nella Grecìa Salentina.

 

La Grecìa Salentina è una delle meraviglie del Salento e non scoprirla è quasi un delitto. Si tratta di una vera e propria isola ellenofona situata nel cuore del Salento, sulla strada che congiunge Gallipoli a Otranto, e comprende nove comuni nei quali si parla, soprattutto tra la popolazione più anziana, una lingua derivante dal greco arcaico: il griko.

La Grecìa Salentina rappresenta la testimonianza più visibile del passaggio dei greci in questo territorio. Le zone in questione avevano, infatti, una cultura principalmente greca e praticavano la religione greco-ortodossa. Naturalmente, all’epoca, la zona ellenofona era molto più grande rispetto all’odierna. Quella che noi chiamiamo Grecìa Salentina oggi, è solo ciò che è rimasto dopo le dominazioni che si sono susseguite nel tempo (normanna, sveva, angioina, aragonese e spagnola), che non solo tentarono, riuscendoci, di soppiantare la religione ortodossa con quella cattolica, ma fecero abbandonare alla popolazione locale anche la lingua greca. È solo a partire dagli anni novanta che, attraverso la cooperazione tra i comuni di natura ellenòfona, si è avviato un processo di valorizzazione e promozione della cultura grika.

La lingua è stata, ed è, l’elemento di identificazione di questa realtà storico-antropologica. Per secoli questa parte del territorio salentino, grazie all’isolamento geografico, ha conservato in lingua riti religiosi, usi, costumi e credenze, spesso al confine con la superstizione. Però, con il passare del tempo e con l’apertura di questi paesini al mondo esterno e soprattutto in seguito all’avvento della televisione di massa che trasmette in italiano, il numero di persone che parla il griko è notevolmente calato.

Tuttavia, nei piccoli paesi dove la tradizione è riuscita a sopravvivere, la gente tenta di preservare questo piccolo tesoro che fa, di questa parte di Salento, una vera e propria filiale della Grecia. Recandosi in Grecìa sarà come visitare un piccolo mondo antico.

Il griko, è scritto con caratteri latini, anche se è molto simile al greco moderno, mescolato con influenze leccesi e neo latine. Si tratta di una lingua molto musicale, sebbene sia molto difficile da comprendere. In ogni caso, molte canzoni della tradizione salentina, sono scritte in griko e ciò le rende molto affascinanti.

A partire dal 1990 il termine Grecìa Salentina è diventato l’espressione di un Consorzio di Comuni, patrocinato anche dall’Unione Europea. Nel 2007, ai nove comuni originari, si sono aggiunti altri due non ellenofoni, che sono entrati a far parte dell’Unione dei Comuni della Grecìa Salentina, comprendente circa 54.000 abitanti.

I nove paesini ellenofoni sono: Calimera, oggi sede del Consorzio, Martano, vecchia sede e paese più popoloso, Castrignano dei Greci, Corigliano d’Otranto, Cutrofiano, Carpignano Salentino, Martignano, Melpignano, noto per la Notte della Taranta, Soleto, Sternatia e Zollino. Carpignano Salentino e Cutrofiano non sono ellenofoni ma sono, appunto, i paesini unitisi al consorzio nel 2007. Consorziandosi e godendo del patrocinio dell’Unione Europea, gli undici comuni che compongono la Grecìa Salentina, hanno potuto intraprendere un lavoro comune di salvaguardia di una cultura e di una lingua che erano a forte rischio di estinzione, oltre a promuovere una comune strategia in campo turistico.

Proprio su iniziativa della Grecìa Salentina, è nato un evento ormai di risonanza internazionale: La notte della Taranta che nel mese di agosto richiama migliaia di spettatori da ogni parte del mondo, riuniti per ascoltare e ballare la pizzica.

La Grecìa Salentina è’ un’area molto interessante sia dal punto di vista culturale che storico-artistico, grazie ai numerosi monumenti e ai centri storici che sono tra i più suggestivi d’Italia.

Non vi resta altro che visitarli per immergervi in un’atmosfera d’altri tempi.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *