Ostuni

Mare

Vista da un vicolo

Ostuni: vicolo caratteristico

Ostuni è un comune della provincia di Brindisi ed una delle mete turistiche principali e caratteristiche della Puglia. E’ parte integrante della Valle d’Itria e dell’alto Salento.

E’ conosciuta in tutto il mondo con l’appellativo di Città Bianca per via del suo incantevole centro storico che un tempo era interamente dipinto con calce bianca, oggi solo parzialmente.

E’ tra le tredici località italiane premiate con le Cinque Vele di Legambiente e Touring Club e ha ricevuto la Bandiera Blu per la pulizia delle acque della sua costa e per la qualità dei servizi offerti.

Ostuni dista circa 6 chilometri dal mare e vanta una costa estesa per 20 chilometri in un susseguirsi di baie tra frastagliate scogliere e circondate dal verde della macchia mediterranea. I visitatori, quindi, possono scegliere sia spiagge dalla sabbia bianca e sottile, molto ampie e accoglienti, sia alte scogliere a picco sul mare adriatico.

Tutta la costa nota come la Marina di Ostuni è un susseguirsi di stabilimenti balneari, campings e ambienti naturalistici protetti.

Le marine di Ostuni

Il Pilone è una riserva naturale regionale, sia per la sua importanza archeologica sia per la natura rimasta intatta che la caratterizza. Una lunga spiaggia sabbiosa attorniata da alte e verdeggianti dune. Molto conosciuta anche Specchiolla o Torre Guaceto dove un’antica torre di avvistamento chiude una splendida baia sabbiosa.

Torre Pozzella, invece, consiste in un susseguirsi di piccole insenature, protetta da scogli. E’ una zona selvaggia ed intatta di rara bellezza.

Il tratto di Costa Merlata ha una costa estremamente frastagliata e con un mare che, di tanto in tanto, forma singolari calette sabbiose. Anche Santa Lucia ha il suo fascino, con la prerogativa di essere ancora più selvaggia.

Un costante e sempre crescente turismo estivo ha portato alla costruzione di numerosi villaggi per vacanze e centri residenziali che si sono insediati sulla costa, a quasi 10 chilometri dal capoluogo.

Rosa Marina, per esempio, cresciuta rapidamente in pochi anni, è ormai un villaggio con un centinaio di villette bianche dall’omogenea architettura mediterranea. All’interno è possibile trovare tutti i comfort adatti per una vacanza all’insegna del relax. E’ diventata negli anni un elegante complesso turistico – alberghiero unico ed esclusivo, una vera e propria location VIP.

Villanova è un piccolo centro peschereccio fondato da Carlo I d’Angiò nel 1277 e che si sviluppa ancora oggi attorno ad un Castello. Precedentemente nota come Petrolla ha un’importanza storica da non sottovalutare, grazie al suo antico porto, punto di approdo per i pescatori e grazie alle sue calette di una bellezza invidiabile. La costa si conclude con la spiaggia di Lamaforca: qui risiede un importante villaggio turistico di fama internazionale, la Valtur.

Eventi e manifestazioni

Tra i tanti eventi che Ostuni festeggia, uno più di tutti ricopre un’importanza fondamentale: la festa per il protettore Sant’Oronzo. Dura quattro giorni, dal 24 al 27 agosto e ciò che la caratterizza è la tradizionale Cavalcata di San’Oronzo. Ogni anno sfila, per le strade della città, un corteo di cavalli e cavalieri a scorta della statua in argento, in devozione al Santo che nel 1656 salvò gli ostunesi dalla peste che flagellò il Salento.

A Ferragosto nel centro storico si tiene la Sagra dei Vecchi Tempi. Così chiamata perché oltre a gustare piatti tipici della gastronomia locale, si possono ammirare numerosi artigiani che ripropongono mestieri ormai scomparsi da tempo come l’umbrellare e l’acconzopiatte (l’aggiustatutto) che in particolare aggiustavano ombrelli e oggetti di ceramica, lu curdelare che utilizzando fibre vegetali intrecciate creava le funi che servivano alla costruzione dei fiscoli, i piatti circolari di corda utilizzati per la spremitura dell’olio dalla pasta di olive.

Movida

Ostuni

Case caratteristiche di Ostuni

Ostuni è un centro che trasmette pace e tranquillità di giorno ma che si accende di festa e divertimento di notte. Ristoranti, bar, locali e discoteche. Il Silver System, per esempio, è la discoteca più glamour di Brindisi, aperta e attiva tutto l’anno. Un arredamento molto chic e innovativo, una piscina illuminata, i vari colori e i giochi di luce la rendono un ambiente esclusivo. Dispone di 3 sale in modo da soddisfare i diversi generi musicali.

Bellissima anche la discoteca Shabuyà dove si alternano i migliori dj di musica house del momento. Prima di andare a scatenarsi per tutta la notte perché non assaporare la cucina tipica ostunese. L’Osteria del tempo perso è uno dei ristoranti storici di Ostuni. Nata nel 1983 dispone di due ampie sale, la prima è una vera e propria grotta, la seconda è un vero e proprio museo dedicato alla Civiltà contadina di Ostuni. Un ambiente ottimo per assaporare delle squisiti piatti locali. Sempre in una stradina del centro storico il piccolo ristorante Sho – Ann, cucina giapponese con una grande varietà di sushi e sashimi. Tanti bar, comunque, in giro per la città, Sinclair, Titanic Caffè, Bar Caffè moderno, Bar del Pozzo e tanti altri. Durante i mesi estivi, passeggiando tra questo borgo bianco è possibile incontrare sagre tipiche (sagra della Frisa, della salsiccia)  fiere o concerti. Il divertimento è assicurato!

Cenni storici

Ostuni è una città di origine messapica. I Messapi sono un’antica popolazione italica stanziata nel Salento nel VII secolo a.C. Furono abili costruttori di strade e città e scelsero l’ubicazione per la città in cima a un colle dalla pareti molto ripide.

Distrutta alla fine della seconda guerra punica, la città fu ricostruita dai romani sotto cui Ostuni ebbe un florido periodo. Con la caduta dell’impero Romano arrivò un lungo periodo di dominazioni: ostrogoti, longobardi, normanni, svevi, angioni ecc. Dopo il 1800 Ostuni estese il suo territorio fino alle dimensioni attuali. Oggi, si sviluppa su tre colli in eccezionale posizione panoramica. Si distingue per il verde della campagna, per il colore delle case imbiancate a calce e per il contrasto della pietra bruno – rosata utilizzata per i monumenti più significativi. L’aspetto decisivo della città sono le case terrazzate, bianche con corti interne e strettissimi vicoli all’esterno, di tradizione e ispirazione orientale. Questa sintesi tra natura (campagna) e l’insediamento umano (la città) fa di Ostuni une delle località più amate della Regione.

Curiosità

Ostuni ha anche un altro appellativo, Regina degli ulivi. Questo nome sembra scaturire dalle secolari piante presenti. Questa è zona di produzione di olio ma anche di ottimo vino, grazie alle vite che qui cresce un po’ dovunque.

Dove dormire

Ostuni offre varie possibilità di alloggio: hotel, B&B, residence, agriturismi e case vacanza. Abbiamo selezionato per voi alcune proposte di soggiorno adatte ad ogni esigenza.

Visualizza le nostre proposte

 

 

Come arrivare

in auto:

per chi proviene dall’autostrada A1, uscire a Bari Nord e proseguire lungo la superstrada Bari/Brindisi. Uscita Ostuni/Pilone/Rosa Marina. Proseguire quindi per Ostuni (9 Km).

in treno:

i maggiori treni provenienti dalla linea adriatica o tirrenica fermano alla stazione ferroviaria di Ostuni. Questa dista circa 4 Km dal centro cittadino ed è collegata da un comodo servizio di bus di linea.

in aereo:

l’aeroporto di Brindisi dista circa 35 Km, mentre quello di Bari circa 80 Km.