L’Episcopio celato nello scenario di Piazza Duomo a Lecce

L’Episcopio celato nello scenario di Piazza Duomo a Lecce

La singolare Piazza Duomo è incorniciata da splendide architetture: il Duomo, l’imponente ed elegante Campanile, il Palazzo del Seminario e il Palazzo Vescovile.

Quest’ultimo, palazzo dimora del Vescovo, fu realizzato nel 1425 da Mons. Girolamo Guidano, patrizio leccese dell’Ordine dei frati Minori Conventuali e vescovo di Lecce dal 1420 al 1425. Successivamente fu ampliato dal suo successore Luigi Pappacoda nel 1649, che fece costruire sul lato destro nuovi comodi ambienti per foresteria.

Il Vescovo Fabrizio Pignatelli nel 1725 lo rese più leggero ed armonioso costruendo un portico con archi e colonne. Nel 1758 venne poi costruita l’attuale facciata da Emanuele Manieri. L’architetto leccese eliminò la scala esterna e fece del prospetto un capolavoro del barocco. L’edificio, disposto ad angolo retto, è caratterizzato dall’arioso loggiato ad archi.

Si articola su tre livelli: il primo piano è una compatta e prominente superficie ricoperta da bugnato, dove lo spazio è cadenzato da pilastri e aperture ad arco; lo spazio intermedio si apre a portico sulla città mentre l’ultimo ordine, rientrante rispetto agli altri, è delimitato da una balaustra in pietra su cui poggiano busti di personaggi illustri.

Considerando sempre il prospetto, sul portale si nota lo stemma del vescovo Sozi Carafa, al secondo ordine ci sono tre nicchie in cui sono ospitate alcune statue (quella della Vergine al centro), mentre il fastigio contiene un orologio del 1761 realizzato dal leccese Domenico Panico.

L’Episcopio comprende la sede della Curia Arcivescovile, l’Ufficio Amministrativo Diocesano e la residenza del Vescovo.

Secondo la tradizione nel palazzo in oggetto ha anche dimorato il Re Ferdinando di Borbone durante la sua visita a Lecce.

C’è anche una vasta galleria dove è possibile ammirare la statua policroma dell’Assunta e alcuni dipinti, tra i quali una Vergine col Bambino del Catalano, la Crocifissione di San Pietro di Luca Giordano, una tavola veneziana della Vergine col Bambino ed una Sacra Famiglia, entrambe provenienti dalla Chiesa del Carmine.

Le nostre proposte di soggiorno a Lecce, al fine di ammirare, l’Episcopio in Piazza Duomo, uno dei monumenti maggiormente rappresentativi di Lecce, come Piazza S.Oronzo, la Basilica di Santa Croce e la bella e moderna Piazza Mazzini, fulcro dello shopping leccese.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *