La leggenda della Zinzulusa di Castro: una fata buona in aiuto di una bambina

La leggenda della Zinzulusa di Castro: una fata buona in aiuto di una bambina

La grotta della Zinzulusa, nei pressi di Castro, rappresenta uno dei più interessanti fenomeni carsici di tutto il territorio salentino. Il suo nome deriva dalle stalattiti e dalle stalagmiti che pendono dal soffitto a forma di stracci (“zinzuli”, in dialetto salentino). Proprio a questo particolare è legata una leggenda che, come molte altre nel Salento, parla di giovani principesse, amori e prigionie.

Secondo quanto si è tramandato da padre in figlio nel corso dei secoli, il barone di Castro – un ricco signore che aveva possedimenti in tutto il Salento, ma molto avaro e desideroso di potere – aveva una moglie e una figlia e ogni giorno si adoperava per far crescere i suoi averi, tanto da spingerlo a privare dei beni di prima necessità la sua figliola. Nella sua mente, la bambina poteva vivere benissimo nell’ignoranza e coperta di stracci, pur di ridurre le spese per il suo mantenimento.

Il comportamento del padre non fece altro che far vivere alla piccola un’adolescenza triste, senza giochi, istruzione e vestiti. In suo aiuto, un giorno, intervenne una fata, che le regalò un bellissimo vestito, stracciando il vecchio e disperdendone i resti nel vento. I brandelli di stoffa si andarono a depositare all’ingresso di una cavità naturale e si pietrificarono, rendendo particolare e suggestivo l’ingresso della grotta che oggi tutti ammirano come “Zinzulusa”.

La fata promise in sposa la ragazza ad un principe e la sua vita cambiò, mentre il padre fu rinchiuso all’interno della grotta e fatto precipitare nel suolo calcareo. Si dice, infatti, che le acqua del laghetto Cocito, all’interno della grotta, sgorghino proprio dalla voragine infernale in cui è sprofondato l’avido barone.

Sempre a Castro Marina, ma distante circa 2 chilometri dal centro abitato, si trova Grotta Romanelli, altro importantissimo esempio di carsismo sulla costa salentina. Da qui è possibile anche visitare Santa Cesarea Terme e, poco distante, la bellissima Otranto.

Vi suggeriamo, per alloggiare nel Salento, di visionare alcune tra le più belle strutture ricettive della zona di Otranto e di Santa Cesarea Terme.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *