Il parco naturale “Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase”: panorami mozzafiato e natura incontaminata

Il parco naturale “Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase”: panorami mozzafiato e natura incontaminata

La costa adriatica del Salento, da Otranto fino a Santa Maria di Leuca, è uno dei tratti più belli e suggestivi della Puglia. Altissime scogliere con sentieri che portano giù fino alla riva e costoni di roccia ricoperti dalla vegetazione tipica della macchia mediterranea si coniugano con i colori spettacolari del mare, che si estende incontrastato e immenso.

Proprio a protezione di questo territorio è stato costituito, con la legge regionale n. 30 del 26 ottobre 2006, il parco naturale regionale “Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase”, dal 2008 dotato di un consorzio di gestione con sede nel castello di Andrano.

Il parco, come dicevamo, è nato per tutelare un patrimonio naturalistico quasi senza eguali, di altissimo valore scientifico-culturale. Tra gli obiettivi del parco, poi, c’è quello di valorizzare il territorio secondo un modello di sviluppo ecosostenibile, al fine di garantire la tutela delle biodiversità e promuovere le economie locali.

Nel territorio del parco sono compresi alcuni Siti di Importanza Comunitaria, come la “Costa Otranto – Santa Maria di Leuca”, il “Boschetto di Tricase” e il “Parco delle querce di Castro”. Grande oltre 3000 ettari, è il più grande tra i parchi regionali della provincia di Lecce.

Tante sono le testimonianze del passato all’interno del Parco: i sentieri delimitati dai muretti a secco, le  “vie del sale”, i canaloni trasversali alla linea di costa. Qui è possibile osservare alcune specie floreali di rara bellezza, come il Fiordaliso di Leuca, il Garofanino Salentino, il Fiordaliso Nobile e il Veccia di Giacomini, ma anche specie animali come il gheppio, la poiana e il falco pellegrino, oltre agli uccelli migratori che da qui passano durante la primavera.

Grotta in prossimità di castro

Grotta Zinzulusa a Castro

Nel territorio del parco sono stati ritrovati anche numerosi resti del paleolitico e del neolitico, in particolare nella Grotta della Zinzulusa e nella Grotta dei Cervi. Tante, poi, le tracce di un passato più recente, come la pajare, le masserie, le torri e le ville nobiliari.

Il parco comprende zone di territorio dei comuni di Alessano, Andrano, Castrignano del Capo (con la sua frazione di Santa Maria di Leuca), Castro, Corsano, Diso, Gagliano del Capo, Ortelle, Otranto, Santa Cesarea Terme, Tiggiano e Tricase. Ognuno di questi paesi ha delle caratteristiche che meritano di essere visitate e ammirate.

Vi proponiamo alcune strutture ricettive a Otranto, Santa Cesarea Terme, Leuca, Gagliano del Capo : da qui sarà agevole spostarsi alla scoperta di questo territorio incantato, magari per ammirare anche la flora e la fauna degli altri parchi naturali del Salento, come quello del Litorale di Ugento e quello dell’Isola di sant’Andrea e di Torre del Pizzo.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *