La cripta della Madonna dell’Attarico, ad Andrano, e la leggenda della madre senza latte

La cripta della Madonna dell’Attarico, ad Andrano, e la leggenda della madre senza latte

La cripta della Madonna dell’Attarico si trova nella campagna alla periferia di Andrano, piccolo paese del Salento a pochi chilometri da Castro.

Il suo nome deriva quasi sicuramente dalla parola “taricu” (dal greco “tarikòn”, conceria), che fa riferimento all’arte della lavorazione delle pelli, molto sviluppata in passato nella zona e testimoniata dalla presenza delle querce vallonee, dalle cui bacche si ricavava l’acido tannico, necessario per la lavorazione delle pelli.

Uno storico locale, don Francesco Coluccia, ha ipotizzato che la grotta dell’Attarico possa essere stata utilizzata come luogo di dimora e di contemplazione da parte di monaci locali della vicina abbazia di Santa Maria del Mito.

All’interno della cripta sono presenti due affreschi, purtroppo non ben conservati. Uno raffigura una Croce, l’altro la Madonna con il Bambino con a lato due santi (quello a destra con la palma del martirio in mano). Il dipinto della Vergine ha attirato nel corso dei secoli numerosi devoti mariani, soprattutto per la tenerezza che evoca l’atto dell’allattamento del Bambino. A questo affresco è legata una suggestiva leggenda: si racconta che una popolana che abitava in un casolare vicino alla cripta, non riusciva a sfamare suo figlio con il latte del suo seno. Disperata si rivolse alla Madonna che, in sogno, le chiese di rimuovere la biscia annidata tra le pietre della casa, che durante il sonno le rubava il latte.

Lo studioso Marco Piccinni, qualche anno fa, sulla volta della cripta ha scoperto una croce templare in discreto stato di conservazione, raffigurata con le braccia smussate e all’interno di un cerchio.

Vicino alla cripta tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento venne edificata una piccola chiesa, per devozione dei principi Caracciolo. L’attuale chiesa, costruita sulle macerie della precedente, è stata aperta nel 1990.

Nelle vicinanze di Andrano è possibile visitare anche la città di Castro, con il suo centro storico e le grotte marine, tra le quali la più famosa è quella della Zinzulusa. Proseguendo lungo la litoranea che porta fino a Santa Maria di Leuca, poi, si incontrano le marine di Tricase Porto, Marina Serra e Marina di Novaglie.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *