Le strade del vino: VI tappa, il Salice Salentino Doc

Le strade del vino: VI tappa, il Salice Salentino Doc

Il Salice Salentino DOC è uno dei vini più pregiati del Salento. Si inserisce nell’itinerario delle strade del vino ed è prodotto nei comuni di Salice Salentino, Veglie, Campi Salentina, S. Pancrazio Salentino, San Donaci, Cellino San Marco e Guagnano, a cavallo tra le provincie di Lecce e Brindisi, in una terra in cui ai vigneti si alternano antiche masserie e costruzioni di vedetta.

Il Salice Salentino viene prodotto per gran parte con le uve dei vitigni Negroamaro e rappresenta una delle più antiche produzioni della Puglia meridionale. Questo vino esiste nelle versioni Rosso, Rosato, Bianco, Pinot Bianco, Aleatico Dolce e Aleatico Liquoroso dolce.

Il bianco viene solitamente servito con primi piatti di pasta e riso, verdure e pesce. Il suo bicchiere ideale è un calice ampio che si restringe verso l’alto, e la temperatura di servizio è di 10-12° C.

Il rosso, invece, si accompagna molto bene con salumi piccanti, primi piatti con sughi leggeri, carni di maiale e di agnello al forno o in umido, spezzatini di vitello con verdure, frittate, formaggi ovini freschi. Il suo bicchiere ideale è un calice ampio e aperto, e la temperatura di servizio è di 12-14° C.

Le versioni dolci e pinot, infine, si abbinano perfettamente a dolci tipici del periodo natalizio e a dessert.

Il Salice Salentino DOC si conserva in bottiglie che vanno tenute coricate in scaffali di legno, al buio e a temperatura costante tra 10 e 15° C, con umidità intorno al 70-75%.

Questo vino è catalogato nei registri della Regione Puglia al numero progressivo 112 ed è stato riconosciuto come DOC nel 1976.

Il rosso si produce, come già detto, con le uve dei vitigni Negroamaro, ma possono concorrere alla produzione anche le uve Malvasia nera di Lecce e Malvasia nera di Brindisi, per una massimo del 20%. Il Salice Salentino Aleatico, invece, è prodotto con almeno l’85% delle uve provenienti dal vitigno Aleatico e, per un massimo del 15%, con uve Negroamaro, Malvasia nera e Primitivo. Il Salice  Salentino Bianco si produce con uve provenienti dai vigneti Chardonnay per almeno il 70% e con un massimo del 30% di uve di altri vitigni autorizzati delle provincie di Lecce e Brindisi, ad esclusione dei moscati. Il Pinot Bianco, infine, può contenere fino ad un massimo del 15% di uve Chardonnay e Sauvignon.

Tra le aziende agricole che producono il Salice Salentino DOC, meritano menzione Leone De Castris e la Cantina Cooperativa Salice Salentino.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. Viaggio nel mondo del vino del Salento: il Museo del Vino "Mereum" - [...] volte nel nostro portale abbiamo parlato delle strade del vino, ossia degli itinerari alla scoperta del vino prodotto nei…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *