I tre musei di Ugento: un tuffo nel passato in uno dei centri più belli del Salento

I tre musei di Ugento: un tuffo nel passato in uno dei centri più belli del Salento

Ugento è senza dubbio uno dei centri del Salento più interessanti dal punto di vista storico, artistico e archeologico. Numerosi sono stati, nel corso degli ultimi decenni, i ritrovamenti durante i numerosi scavi in tutto il territorio comunale. Tra tutti primeggia la scoperta della statua di Zeus, preziosissima testimonianza messapica.

Questo popoloso centro del Salento, noto soprattutto per le sue marine di Torre San Giovanni, Torre Mozza e Lido Marini, racchiude tra le stradine del centro ben tre musei, nei quali è possibile fare un tuffo nel passato ammirando splendide testimonianze antiche.

Museo Civico di Archeologia

Il primo è il Museo Civico di Archeologia, situato in via della Zecca, in pieno centro storico. Un tempo convento dei frati minori Osservanti dedicato a Santa Maria della Pietà, il grande edificio venne fatto costruire nel 1430 per volere di Raimondello Orsini del Balzo, conte di Ugento. Nel 1866 il monastero passò al demanio dello Stato ed ospitò dapprima la caserma dei Carabinieri, poi le scuole e, infine il Comune. Nel 1968, poi, si arrivò a destinare l’ex convento a sede del museo, a causa dell’esigenza di un posto dove conservare i numerosi ritrovamenti archeologici.

Il museo si sviluppa su due piani ed  occupa una superficie di 1400 metri quadrati. Tra i più famosi reperti presenti c’è una copia della statua dello Zeus, rinvenuta a Ugento nel 1961 (l’originale è custodita nel museo di Taranto). Negli ultimi anni il Museo è stato completamente restaurato e al suo interno ospita anche una sala convegni.

Orario di apertura (salvo cambiamenti): 10-12 / 18-22 fino al 30 settembre

Ingresso: € 3,00

Museo diocesano

Il secondo museo ugentino è quello diocesano, ubicato nelle sale sotterranee della Cattedrale e inaugurato nel 2006. Al suo interno conserva pregevoli testimonianze di arte cristiana della Cattedrale e delle altre antiche chiese della diocesi di Ugento. Qui è possibile ammirare calici, paramenti sacri, tele, pastorali e oggetti vari usati in antichità durante le celebrazioni liturgiche.

Orario di apertura (salvo cambiamenti): Martedi – Sabato – Domenica: 18.30-20.30

Ingresso: Adulti € 2,00 – Bambini € 1,00

Collezione privata Colosso

Il terzo museo di Ugento, infine, è quello della collezione privata Colosso, conservata all’interno del palazzo Colosso e formatasi con materiali rinvenuti a Ugento nel XIX secolo. La raccolta iniziò ad opera del barone Adolfo Colosso, appassionato cultore di storia patria. 794 reperti databili dal VI secolo a. C. all’età tardomedievale, a cui si aggiungono esemplari di età moderna tra cui armature e armi. Molto belle le testimonianze del repertorio ceramico, tra cui alcune trozzelle, le lekanai e i piatti in vernice bruno-rossiccia.

Orario di apertura (salvo cambiamenti): 10-12 / 18-22, fino al 30 settembre, chiuso il lunedi.

Ingresso: € 2,50.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *