La Grotta Porcinara di Leuca, antico tempio scavato dall’uomo

La Grotta Porcinara di Leuca, antico tempio scavato dall’uomo

Tra le tante grotte marine che caratterizzano il Salento, particolare attenzione meritano quelle che si trovano sulla costa di Santa Maria di Leuca, sia a Levante, sia a Ponente. Tra queste, poi, è molto suggestiva la Grotta della Porcinara. Si tratta di una cavità artificiale scavata dall’uomo in un’epoca ancora non precisata, accessibile sia da terra che da mare. Si trova sul versante adriatico di Santa Maria di Leuca e costituisce un complesso di importanza storica notevole, poiché per molti secoli è stato un santuario prima messapico, poi greco e, infine, latino. Insieme a Punta Meliso la Grotta Porcinara ha reso l’intera zona una grande area di notevole importanza per i riti prima pagani e poi cristiani. Qui giungevano numerosi pellegrini di diversi popoli, culture e tradizioni.

La Grotta Porcinara si compone di tre ambienti contigui e comunicanti. Grande importanza rivestono le pareti interne della grotta, in quanto nel corso dei secoli su di esse sono state ritrovate numerose epigrafi. Più precisamente, si tratta di trena iscrizioni in cui compare la divinità pagana Afrodite e Iuppiter-Zeus, considerato fin dai tempi omerici il padre di tutti gli dei. Zeus è accompagnato dalle epiclesi “Optimus Maximus” e “Batius”. Il dio messapico “Batius” è stato una divinità protettrice della navigazione tra le sponde del Canale d’Otranto.

In tempi recenti l’amministrazione di Castrignano del Capo, nel cui territorio ricade la marina di Santa Maria di Leuca, ha realizzato degli importanti lavori di risanamento della grotta.

Durante la vostra vacanza al mare nel Salento non mancate di visitare questa ed altre grotte marine del Capo di Leuca, approfittando delle numerose escursioni in barca organizzate da varie agenzie della zona.

Inoltre a Santa Maria di Leuca potete visitare la Basilica di Santa Maria De Finibus Terrae, la scalinata monumentale che collega la parte alta della città con il porto e che rappresenta la parte terminale dell’Acquedotto Pugliese, la chiesa di Cristo Re, il lungomare con le ville signorili.

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *