Torre Inserraglio tra natura incontaminata e voglia di vacanza

Torre Inserraglio tra natura incontaminata e voglia di vacanza

Torre Inserraglio è una marina del comune di Nardò, insieme a Santa Caterina e Santa Maria al Bagno. Si trova sulla litoranea tra Porto Cesareo e Gallipoli, tra Sant’Isidoro e Porto Selvaggio.

Ha una posizione privilegiata proprio per questo: il visitatore ha la possibilità di spostarsi e trovare a pochissimi passi tante altre località rinomate; a 35 chilometri Lecce ed Otranto, a 10 chilometri Gallipoli.

È una località prettamente turistica dove non è possibile trovare nessun centro urbano, nessuna abitazione, salvo un complesso residenziale : il Residence Tramonti.

È una zona tutelata come riserva; la costa è rocciosa, frastagliata e possiede fondali, flora e fauna tipici della costa ionica ed è circondata da macchia mediterranea.

L’accesso al mare risulta un po’ difficoltoso anche se delle comode pedane di legno messe a disposizione dagli stabilimenti balneari rendono più agevole l’entrata in acqua. La località è a solo pochi metri sul livello del mare; a pochi passi dalla riva, però, si abbassa a circa 10 metri di profondità. Piccole calette, di tanto in tanto, si alternano a brevi tratti sabbiosi dove poter ammirare questo paradiso incantato. Qui il mare è quasi trasparente e il paesaggio naturale che lo contorna rende tutto più suggestivo.

La marina prende il nome dalla torre che la domina e che è anche conosciuta con i nomi Crito e Creto, termini dialettali che derivano da CritmoCritamo che significa “finocchio marino”.

La torre appartiene alla serie di torri costiere di avvistamento del Salento, costruite allo scopo di avvistare le navi saracene. Fu costruita nel XV secolo e poi rinforzata nel Cinquecento. È un edificio di forma tronco – conica, non molto alto ma possente. Fu utilizzata fino al 1842 dalle Guardie Doganali, per poi essere abbandonata.

Comunica a nord con Torre Sant’Isidoro e a sud con Torre Uluzzo.

È una marina che ha subito, nel corso dei secoli, varie trasformazioni e che oggi vale davvero la pena visitare.

Come arrivare

In auto:

percorrere l’autostrada A/14 fino a Bari Nord, proseguire per Brindisi – Lecce

seguire la SS 101 direzione Gallipoli, uscita Nardò, proseguire per litoranea Santa Caterina – Porto Cesareo

In treno:

arrivare alla stazione FFSS di Lecce, proseguire con il treno delle Ferrovie del Sud – Est fino a Nardò o usufruire del servizi autobus o transfer privati

In aereo:

L’aeroporto più vicino è Brindisi – Casale dotato di servizio navetta o bus che porta direttamente alla località desiderata. Servizio Transfer privato, su richiesta

Hai trovato utile questo articolo?

Altre proposte che potrebbero interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *